Lo sviluppo di capacità del tipo Industria 4.0 è diventato un tema chiave per tante aziende a partire da qualche anno, da quando cioè sono stati varati i piani dedicati a facilitare l’avvento della quarta rivoluzione industriale e anche il nostro paese ha recepito l’appello agli incentivi nella presente legge di stabilità così come nella precedente.

Cosa vuol dire Industria 4.0?
La quarta rivoluzione industriale viene spesso identificata come l’avvento della connettività Internet diffusa a tutti i processi di produzione e quindi come la capacità delle macchine non solo di essere controllate in modo più efficiente ma anche e soprattutto di parlarsi. Dopo la prima rivoluzione industriale che fu realizzata con l’introduzione della macchina a vapore e dopo la seconda segnata dall’avvento dell’elettricità, la terza e la quarta sono state associate in modi diversi alle macchine digitali: la terza per la prima introduzione dei computer nei posti di lavoro e in fabbrica e la quarta per la connettività diffusa e la completa presenza in rete di tutte le macchine.

Cosa significa Industria 4.0 per i diversi processi industriali?
La diffusione delle tecnologie di connessione e di utilizzo dei dati provenienti dalle macchine avrà effetti che riguardano molti processi, dalla progettazione ormai integrata completamente non solo con la produzione ma anche con il controllo di qualità alla produzione stessa e alle vendite stesse. In generale tutti i processi potranno essere maggiormente integrati rispetto ad oggi in modo da anticipare gli eventi e per quanto possibile evitare problemi di qualità della produzione tramite il dialogo tra macchine.
In linea generale gli impatti si possono classificare in questo modo:
1) si renderanno disponibili enormi quantità di dati come output dei processi produttivi e sarà importante centralizzarli, conservarli e soprattutto analizzarli
2) gli analytics di produzione diventeranno quindi strumenti strategici per ottenere nuovo valore dai processi industriali
3) l’interazione uomo-macchina potrà evolversi ulteriormente tramite interfacce sempre più vicine al nostro modo fisico di operare e anche grazie alla realtà aumentata, che ci consentirà di comandare le macchine in maniera sempre più facile
4) il passaggio dal digitale al reale sarà poi un’altra direttrice di sviluppo, grazie alla stampa 3D, alla robotica e alle interazioni tra macchina e macchina

Incentivi agli investimenti in Industria 4.0
Tutte le rivoluzioni hanno dei costi, come è ovvio, e la quarta rivoluzione industriale non fa eccezione. L’introduzione di tecnologie per la connettività delle macchine richiede spesso investimenti in software ma anche in hardware e vari device di ordine informatico ma può comportare anche decisioni di sostituzione o di revamping di macchine obsolete che non consentono la connessione. Come precedentemente accennato il Governo Italiano ha disposto diversi incentivi a sostegno di tali politiche di investimento. Una buona sintesi delle misure attive al riguardo si trova sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Il ruolo del MES nel contesto Industria 4.0
Il Manufacturing Execution System (o MES) rappresenta un’area di competenza che è precedente all’apparizione delle tecnologie Industry 4.0 ma che certamente da tali tecnologie ottiene un significativo rinvigorimento. Per MES si intendono quelle tecnologie che consentono di gestire e controllare la funzione produttiva dell’azienda, tramite funzionalità come la raccolta dei dati della produzione, la gestione degli avanzamenti di produzione, la programmazione della produzione e molte altre. E’ evidente il ruolo delle tecnologie 4.0 nel rendere i processi MES estremamente più moderni e integrati, al punto da lasciar consultare tutti i dati di produzione in tempo reale sul proprio smartphone…

In sintesi, i risultati delle tecnologie Industria 4.0 e MES insieme…
La somma combinata delle tecnologie Industria 4.0 e delle tecnologie MES potenziate dalla cosidetta quarta rivoluzione industriale sta già portando rapidamente ad alcuni grandi benefici che si possono elencare come di seguito:
– Flessibilità produttiva, che sarà migliorata da una maggiore automazione dei processi produttivi che consentirà la cosidetta “customizzazione di massa” e cioè la produzione di piccoli lotti personalizzati incoraggiando anche l’innovazione e il marketing di prodotto
– Velocità di produzione, grazie alla modellazione virtuale del processo produttivo e alla condivisione delle informazioni con tutti gli operatori rilevanti della supply chain
– Qualità del prodotto più alta, grazie ad esempio alla possibilità di monitorare in tempo reale eventuali errori grazie ai sensori collegati in rete e di ridurre così drasticamente i costi della non qualità
– Produttività, assicurata non solo dalla comunicazione tra le macchine ma anche dalle tecniche di manutenzione predittiva e preventiva che riducono i guasti alle macchine e quindi i fermi imprevisti
– Soddisfazione del cliente, che sarà sempre più interessato alla maggiore qualità della produzione oltre che dai prezzi competitivi.
Richiedi la tua analisi gratuita a Bitech scrivendo a info@bitech.it

 

Read More